Le Sirene n.5 - Approfondimento
febbraio 2015

COME CLUB ITACA CI AIUTA NELLE DIFFICOLTÀ DI RELAZIONE

ALESSANDRO G. : Secondo me Club Itaca aiuta a superare le difficoltà cercando di raggruppare le persone per poter lavorare insieme. Questo lavorare insieme aiuta: uno perché bisogna chiedere informazioni di coinvolgimento e farsi le domande sul piano di lavoro, che aiuta a tirare tutto fuori. Perché dentro abbiamo delle risorse nascoste e Club Itaca fa uscire questi talenti individuali, cominciando da piccoli passi giorno per giorno, chiedendo delle rassicurazioni nel gruppo e confrontandosi. Nelle relazioni ci possono essere dei fraintendimenti, che parlandosi si possono chiarire. É questo il bello di Club Itaca, il superamento di queste tendenze negative per un benessere maggiore.
FRANCESCO C. : A me Club Itaca ha aiutato a superare le difficoltà relazionali aprendomi di più con gli altri. Il lavorare insieme con gli altri mi è stato utile a capire come interagire con il gruppo e a dire le mie opinioni. Il Club sprona ad aprirsi con gli altri e questa è una cosa bellissima.
FRANCESCA C. : Club Itaca mi aiuta, ma ammetto che funziona perché mi faccio aiutare; non sono sempre stata collaborativa; infatti negli anni ho fatto disperare alcuni psichiatri e alcuni psicologi vivendo ostinata nel mio mondo di fantasia e non aprendo finestre. Un giorno ho deciso di vivere, anche se vivere è soffrire ed io, che ero sola e nullafacente, al Club ho trovato gli altri e delle mansioni da svolgere, uno fianco all’altro. In principio sentivo una fatica grossa e sempre rimpiangevo il mio mondo di fantasia e magari al Club stavo poche ore o addirittura non arrivavo la mattina.
DANIELE A. : Club Itaca per me personalmente è importante per instaurare nuove amicizie, rapportarsi serenamente con gli altri e fare nuove esperienze che ci aiutano ad aprirci la mente e rinnovare lo spirito.
CHIARA B. : Club Itaca mi aiuta a superare gli ostacoli, le difficoltà e le paure che ogni tanto ho, però devo confessare che qualche paura di sbagliare a volte ce l’ho, anche qui. Ma va sempre meglio!!
CHIARA M. : Io mi sento molto migliorata da quando vado al Club Itaca perché ho fatto varie amicizie ed ho trovato tante brave persone che mi vogliono bene e mi sono sentita accettata da tutti. Poi ho trovato anche ostacoli duri da superare ma ne vale sempre la pena perché per crescere bisogna anche soffrire. Si può passare anche da una stanza piena di spigoli, chiodi e fili elettrici per poi stare meglio ed uscire da Itaca con un bel sorriso. Io vado volentieri, in particolare ho legato con molte persone e anche se ci sono dei momenti bui non mi sono mai arresa e anche questo è importante.
MARCO B. : Quello che posso dire da quando sono arrivato a Club Itaca è che avevo molti disagi ma con il passare del tempo le cose sono migliorate, non subito, ci sono voluti del tempo e degli sforzi, per arrivare ad un obiettivo e per migliorare me stesso nel disagio in cui mi trovavo. Il primo passo è stato quello di incominciare a parlare con lo Staff, instaurare un rapporto con loro e poi piano piano sono riuscito a conoscere altre persone nuove che entravano nel Club per diventare Soci. L’insistenza del continuare a venire, nonostante all’inizio non sentissi più il desiderio di continuare, con il tempo mi ha giovato. Ho raggiunto molti risultati positivi e sono cresciuto molto psicologicamente. Prima non riuscivo ad esprimermi, ero molto cupo ma con il passare del tempo le cose sono cambiate e sono riuscito sempre più ad entrare in situazioni che prima non avrei mai affrontato. Con il passare del tempo sono riuscito a volermi più bene e dopo anche a voler più bene agli altri.
CHIARA C. : Club Itaca è sicuramente un incontro importante per me. Ancora ho difficoltà a relazionarmi con alcune persone che ne fanno parte e ancora ho difficoltà ad accettare alcuni aspetti di me stessa. Da quando ci sono stata la prima volta sono passati quasi due anni e in questo periodo il Club è stato un punto di riferimento importante da cui trarre energia e sostegno per tutte le attività che ho svolto anche in altri ambiti. Vedo che anche per altri è così. In questo periodo in realtà mi sento un po’ stressata e anche un po’ giù di corda e per questo ho difficoltà a interagire rispetto ad altri momenti in cui ero più felice. Spero che le cose miglioreranno per me e che potrò ritornare presto a sorridere “spensieratamente”.
JOSEPHINE G. : Club Itaca è un grande punto d’ approdo e di riunione. Il confronto con gli altri Soci è una buona palestra di vita. Sono certamente contenta di far parte di questa realtà e di conoscere persone nuove con cui interagire di giorno in giorno. Posso dire di avere nuovi amici con cui condividere momenti felici insieme. Inoltre qui ho la possibilità di mantenere in allenamento la mente e le mie capacità con il lavoro sul PC, in cucina e nell’orto. Grazie ancora a Club Itaca e a chi ne fa parte.
MARCO T. : Club Itaca mi ha aiutato a superare le difficoltà nelle relazioni. Siamo una squadra, un team di persone che si conoscono e che hanno delle passioni in comune : la cucina, il cinema, il tempo libero. Ogni giorno al Club si sta molto insieme e ci si aiuta a vicenda. Personalmente mi sento molto più autonomo, inserito e più sciolto. La presenza dei miei amici mi fa sentire meno solo, più felice e più portato a pensare in positivo alla vita e ai problemi che ogni giorno devo affrontare. Di questo sono molto grato a Club Itaca.
LUCA M. : Mi trovo abbastanza bene, perché ho trovato una certa accoglienza. Mi sento più tranquillo anche perché nel Club ho trovato degli interessi, ad esempio il restauro dei mobili al quale mi sto appassionando. E poi le cene e i pranzi sono molto scherzosi e divertenti. Per quanto riguarda le relazioni specifiche ho legato con qualcuno di più e con qualcuno di meno: alcuni li vedo anche al di fuori dal Club. Concludo dicendo che addirittura ho invitato a partecipare al Club alcuni miei amici. Quindi grazie a tutti! FABIO G. : Frequentando Club Itaca mi sono reso conto che esistono delle persone che possano darti affetto standoti vicino. Ci diamo una mano a superare le difficoltà di ognuno di noi e ci impegniamo a far stare meglio il prossimo. Congratulazioni a tutto lo Staff e Soci.
CAMILLA R. : Sono venuta a conoscenza di Progetto Itaca tramite una psicologa della Asl e subito mi sono incuriosita a questa cosa a tal punto che sono andata a scoprire questo Club dove ho trovato accoglienza, disponibilità e affetto. Ora è più di un anno che sono Socia! Mi trovo bene ed ho legato con tutti!
JENNIFER: Le persone sono profondamente diverse le une dalle altre, ognuno di noi ha una storia personale, ognuno porta in sé ferite più o meno profonde, ma porta in sé anche esperienze e ricchezze da poter condividere e donare agli altri. Lavorare al Club mi ha dato la possibilità di raccogliere ogni giorno piccoli tesori da ognuna delle persone che lo frequentano e allo stesso tempo ha richiesto che fossi disponibile ad aprirmi e condividere con gli altri parti di me. Tutto questo rende una Clubhouse un posto molto speciale nel quale lavorare e crescere, personalmente e professionalmente, perché non esiste la competizione, ma si lavora fianco a fianco, si collabora affinché le risorse di ognuno di noi possano essere potenziate al massimo e contribuire a rappresentare un pezzetto di quel “tutto” che ogni giorno creiamo. Per fare questo tutti i giorni ci dobbiamo mettere alla prova nel rispetto reciproco, imparando che ogni relazione è diversa e che può farci scoprire lati di noi stessi fino ad allora nascosti.
LE RELAZIONI ALL’INTERNO DEL CLUB SONO LA RICCHEZZA PIU’ GRANDE. OGNUNO PARTECIPA CON LE SUE QUALITA’ E L’UNICITA’ DI CIASCUNO DIVENTA UNA RISORSA PER IL GRUPPO INTERO
ELENA : Le relazioni all’interno del Club sono la ricchezza più grande. Ognuno partecipa con le sue qualità e l’unicità di ciascuno diventa una risorsa per il gruppo intero. Personalmente, attraverso il lavoro con gli altri scopro ogni giorno qualcosa di loro e imparo qualcosa di me, dai punti di forza alle fragilità su cui lavorare, allenandomi costantemente all’auto-osservazione, all’apertura, a non dare niente per scontato, all’entusiasmo di fare le cose insieme… Mi viene in mente un proverbio africano, letto da qualche parte: “Se vuoi andare veloce vai da solo, ma se vuoi andare lontano, vai insieme a qualcuno”.